J'ai un âme solitaire

Posted by Veronica M. Maruzzo On lunedì 18 ottobre 2010 0 commenti

Tornata da qualche ora dall'aeroporto, ancora non mi rendo ben conto di tutto quanto. So solo che i muscoli si fanno sentire a scoppio ritardato e ora non mi reggo molto bene in piedi.



Il sonno... il sonno c'era, ma quando viene bruscamente interrotto perchè "devi mangiare è ora di cena" ti girano. e ti girano così tanto che ti passa anche.

già non mi va (e non riesco perchè sono senza voce) a proferire favella con nessuno, figuriamoci poi con la tv alleata di tanti silenzi... spenta. perchè rotta.

diavolo.







lamentele a parte.

PArigi era stupenda. L'adoro sempre di più. E di notte è uno spettacolo ineguagliabile. Il viaggio è stato una cosa bellissima, rifarei tutto subito XDXD anche le ore di metro XDXD



soprattutto rivedrei lui, perchè di esperienze così.. bhè pensavo che non ne avrei mai avute. Mi suona strano parlare in questi termini quasi fossi una ragazzina tredicenne impazzita per il cantante di turno, ma non posso esimermi sal sentire un vuoto tremendo ..un vuoto che si colpa e al tempo stesso brucia di nostalgia, solo sentendo la sua voce.

Non mi sentivo così da tanto... tanto...TANTO tempo. E mò... tornare alla vita normale mi suona insulso ed inutile. Non c'è assolutamente *niente* che possa reggere il confronto .. e bhè se volevate darmi una manata in faccia e farmi capire un po' di cose wow. mission accomplished.





ora... non mi va di fare null'altro. se non continuare a spararmi i Vamps nelle orecchie sperando di sognarlo stanotte.. o quando riuscirò a prendere sonno (sempre se mi lasciano in pace su imvu... lasciare in pace relativo poichè non becco quello che vorrei sviscerare. grrrr)





lascio un video. non riesco ad essere obiettiva o altro. solo...bhè.. Hyde.









0 commenti:

Posta un commento